Non essere uguale a te stesso

Una cosa che succede a tutti è essere sempre uguali a se stessi e avere dei preconcetti su moltissime cose.

Questa condizione ci porta a non sperimentare nuove strategie pensando che non siano validi per la nostra azienda.

Certo è più facile copiare e incollare quello che fanno altri, ma sei certo che abbiano fatto la cosa giusta?

Non solo!

Se è giusta per loro sei certo che sia la cosa giusta per te e per la tua azienda?

Certamente sapere cosa fanno gli altri non è una cosa cattiva, anzi, bisogna stare attenti a cosa succede intorno a noi.

Ma una cosa è sapere e capire che tipo di azioni di marketing fanno le altre aziende, un’altra cosa è copiare pari pari le stesse azioni facendole proprie.

Ricorda che ogni azienda e ogni prodotto ha una sua storia.

Quello che va bene per alcune aziende non è detto che vada bene per altre.

Immagina per un momento la Nutella, secondo te c’è o ci sarà mai un concorrente che potrà avvicinarsi a questo Brand?

Il brand Nutella è così forte che anche se regali una qualsiasi crema alla nocciola non sarà mai Nutella.

Anche quando c’è stata tutta quella polemica sull’olio di palma, il brand non ne ha risentito per niente, anzi, più ne parlavano più facevano pubblicità al brand Nutella.

Al contrario, se ci convinciamo che un tipo di azione non è valida per la nostra azienda e per il nostro brand la giudichiamo inadeguata a priori senza avere dubbi.

A questo punto cosa si fa, se non dobbiamo copiare le altre aziende e se riteniamo che certe azioni non vadano bene, quale è la strada che dobbiamo seguire.

La cosa ideale è testare!

Per capire se un messaggio o un mezzo di comunicazione è o meno all’altezza di quello che ci aspettiamo serve provarlo direttamente senza pregiudizi.

È chiaro che se facciamo una qualsiasi cosa pensando che non funzionerà, il nostro atteggiamento di sufficienza non ci metterà nelle condizione di fare un test in modo oggettivo e analitico.

Di contro se siamo convinti che un messaggio o un mezzo di comunicazione è quello giusto per noi, ci poniamo nella condizione opposta, cioè di non valutare e analizzare se effettivamente il risultato che speravamo lo abbiamo ottenuto e magari diamo la colpa al mercato che non è ancora pronto al nostro prodotto o alla grande distribuzione che fa i prezzi stracciati.

Come ho già detto l condizione migliore è provare in prima persona senza nessun pregiudizio e valutare il risultato finale.

Non essere uguale a te stesso