Blog

Chi sa riconoscere la qualità?

Chi sa riconoscere la qualità?

Questa domanda potrà sembrare provocatoria ma in realtà non lo è.

Di fatto chi tra i consumatori, a meno che non sia un professionista del settore o un consumatore particolarmente preparato, sa riconoscere la qualità.

Ma di consumatori preparati c’è ne sono veramente pochi e se sono preparati, lo solo su un prodotto che magari li appassiona, come il vino, per il resto sono all’oscuro di quello che significa qualità. Continua a leggere...

Le associazioni di categoria non possono aiutarti

Quello che sto dicendo non è affatto una provocazione, è proprio così, le associazioni di categoria non possono aiutarti.

Ovviamente mi riferisco solo ad una parte della tua azienda, non possono aiutarti nel business, come fare maggior reddito, guadagnare più sghei, capito il concetto?

Certamente non è il loro mestiere su questo non deve esserci dubbio, il loro mestiere è un altro. Continua a leggere...

Ti sei accorto della nuova realtà?

Ti sei accorto della nuova realtà?

Quello che sembra cambiare lentamente in realtà sta cambiando velocemente, è la nostra percezione che non comprende tutto il cambiamento in atto.

Di cosa parlo?

Parlo del fatto che ci sono molti agricoltori che producono veramente delle eccellenze sotto tutti i punti di vista ma poi portano tutto all’ammasso facendo di fatto perdere tutte le qualità del prodotto. Continua a leggere...

Non è importante la differenza ma la percezione che se ne ha

Non è importante la differenza ma la percezione che se ne ha

Essere differenti è la prima cosa da fare per poter avere il successo che cerchi.

Ma spesso le differenze sono così minime tra un prodotto e un altro che sono molto difficili identificare, in questo caso non è importante la reale differenza tra i prodotti, ma la percezione che il cliente ha del prodotto che vendi. Continua a leggere...

Essere il primo è meglio di essere il migliore

Ricordati che essere il primo è meglio di essere il migliore

Certo non è facile essere il primo a fare un paté di olive o una marmellata di arance, su questo non ci sono dubbi, resta comunque il fatto che non è stato fatto tutto.

Ci sono ancora cose inesplorate che si possono fare.

Devi sapere che c’è un numero importante di consumatori che cerca novità per poi poterlo raccontare agli amici, e tu proprio su quel tipo di consumatore puoi basare una parte della tua produzione. Continua a leggere...

Le aziende non le fanno le idee

Questa affermazione può sembrare provocatoria ma se ci ragioni sopra due minuti vedrai che è proprio così

Infatti se all’idea che hai avuto non aggiungi l’azione resta solo un’idea che non ti porta da nessuna parte.

Non solo, se dopo qualche settimana, mese o anno c’è qualcun altro che ha avuto la tua stessa idea ma l’ha messa in pratica, avrai avuto solo il vanto di aver avuto quest’idea per primo, ma di fatto un vanto non è. Continua a leggere...

Tu sai perché il cliente dovrebbe sceglierti, ma il cliente lo sa?

Sapere perché il cliente ci deve scegliere, come abbiamo detto, è fondamentale per piazzare i nostri prodotti sul mercato.

Quello che ora dobbiamo chiederci ancora è: Il cliente lo sa?

Il cliente ci sceglie perché quel tipo di alimento, che sia trasformata o meno, nel senso che si trovi in un barattolo o nello stato naturale, lo ritiene idoneo per la propria tavola e su questo non c’è dubbio. Continua a leggere...